Klaus Tabarelli – la mia vita

per aspera ad astra – La mia vita, colorata come una nebulosa stellata

Questa era la mia vita – nel 103° anno di vita

So che molte volte dopo un alto c’è stata una bassa valle
Ho sperato così spesso invano, l’ho sentito eppure l’ho giocato via
Ho chiesto molto e ho ancora fallito, questa era la mia vita.
E oggi mi guardo indietro per vedere se posso perdonare ed essere perdonato
Che tu possa dire questo, quindi vivi la tua vita.
Perché cosa sarebbe un uomo che non è un uomo, che non è se stesso come uomo? Chi non piange mai, chi non ride mai, chi non mente mai, chi non sbaglia mai? Chi non ammette mai che è troppo tardi, così è stata la mia vita.

Ouverture

Sono nato il 16 giugno 1920 come il maggiore dei 4 figli che sopravvivevano a quel tempo a Trechtingshausen vicino a Bingen sul Reno come figlio di Johann Baptist Tabarelli (per la sua vita italiana clicca qui) e Elisabeth (Elli) Tabarelli née Walldorf. I miei fratelli minori erano *1923 Christa (Dina) Tabarelli, *1925 Magda +1932 ,*1928 Adam Tabarelli, *1938 Hans-Willi Tabarelli.

Il mio luogo di nascita e la mia prima casa dei genitori fu nel 1920-1922 in Römerstraße in quella che poi divenne Haus Schmengler, prima che ci trasferissimo nella casa di mio nonno Johann Walldorf *1861 in Rheinstraße (oggi Im Winkel 4). Mio padre era un ferroviere e nel suo tempo libero coltivava ancora vigneti a sinistra (RLP) e a destra del Reno (Bodental in Assia).

1934 – La foto mostra Klaus a 14 anni

Anni scolastici e apprendistato

Dopo la scuola, ho iniziato un apprendistato come elettricista in un’azienda di Schweppenhausen. Per anni, di solito ho pedalato la distanza da Bingerbrück. Si trattava di una sfida sportiva per la quale la mia forma fisica di ginnasta tornava utile, perché all’età di 8 anni mi ero iscritto al club di ginnastica locale T.u.S. 1921 Trechtingshausen ed ero un diligente ginnasta e atleta. Ho vinto i premi Hindenburg in diversi festival di ginnastica.

Klaus Tabarelli all’età di 12 anni, in fondo alla fila all’estrema destra. Fonte della foto: Archivio dell’associazione T.u.S. Trechtingshausen

Al cantiere navale

Dopo aver completato il mio apprendistato, c’erano tre buone ragioni per lavorare nel cantiere navale Krupp Germania a Kiel. In primo luogo, volevo estendere la mia esperienza professionale; in secondo luogo, il cantiere navale stava attirando giovani con buoni salari per la costruzione dell’incrociatore pesante „Prinz Eugen“; e in terzo luogo, era anche una traccia di avventurosità e romanticismo navale che mi attirava verso la costa, dove i miei cugini Josef Tabarelli e Heinrich Tabarelli stavano già lavorando come ingegneri navali. Dato che avevo solo 17 anni, mio padre doveva venire con me a Kiel per firmare il contratto d’affitto del mio alloggio.

incrociatore pesante „Prinz Eugen“ – Clicca per ingrandire l’immagine.

Dopo anni di cablaggio nella pancia del „Prinz Eugen“, che fu l’unica corazzata tedesca a sopravvivere indenne alla seconda guerra mondiale, il cantiere navale spinse particolarmente la costruzione di sottomarini e io fui assegnato all’installazione del sistema elettrico del sottomarino. E così accadde che all’inizio della guerra non fui arruolato nelle truppe, ma fui messo in UK (Unabkömmlichkeit) a causa della priorità che nel frattempo era stata data alla costruzione di sottomarini.

sistema elettrico del sottomarino – Clicca per ingrandire l’immagine.

Ma anche lontano dal fronte, la vita non era priva di pericoli. Uno dei miei compiti era quello di essere presente durante le prove dei sottomarini come elettricista di bordo. Più volte sono stato oggetto di incursioni aeree e fuoco di siluri, perché gli alleati facevano di tutto per affondare i sottomarini prima che potessero essere messi in servizio. Ma con molta fortuna abbiamo sempre raggiunto di nuovo le banchine del cantiere navale.

Clicca per ingrandire l’immagine.

Nella tempesta di fuoco di Gomorra

Nel 1943, l’anno della guerra, sono miracolosamente sopravvissuto alla grandinata di più di 100.000 bombe esplosive e incendiarie dell'“Operazione Gomorra“ da parte di una flotta di bombardieri anglo-americani durante un giorno di permanenza ad Amburgo il 24/25 luglio, in cui decine di migliaia di incendi individuali pianificati in pochi minuti si sono combinati per formare una conflagrazione di cinque ore con sviluppo di calore estremo di 1.000 gradi Celsius con forza da uragano per 400.000 persone colpite nei quartieri popolari. La gente bruciava a morte negli scantinati e nei rifugi. Ero seduto nel bunker quando il mio vicino mi è caduto in grembo, ucciso da una scheggia di bomba. Indimenticabile.

https://www.ndr.de/geschichte/chronologie/Feuersturm-vernichtet-Hamburg,feuersturm100.html

1945 con 25 anni

Studi di ingegneria elettrica

Dopo la guerra, mi sono iscritto a quella che allora era la Rheinisches Technikum Bingen, oggi TH Bingen, per studiare ingegneria elettrica, e oggi sono probabilmente il più vecchio laureato vivente del programma Dipl. Ing. (FH). Affinché le lezioni avessero luogo, ogni studente doveva portare una bricchetta o dei carboni per riscaldare l’aula nell’inverno estremamente freddo del dopoguerra. Abbiamo anche aiutato come brigata di pulizia e rimozione dei detriti per rendere possibili le nostre lezioni.

Il più vecchio laureato vivente del TH Bingen compie 100 anni.
Fonte della foto: archivio TH-Bingen. per ingrandire l’immagine.

Durante la ricostruzione del ponte Herder a Bingen, sono stato incaricato di controllare la sicurezza elettrica delle linee aeree che giacevano a terra e la fornitura di energia di costruzione per le squadre di costruzione.

Matrimonio

Il 28.12.1948 ho sposato Christine Theresia (Christel) Metzroth, *15.04.1928 a Trechtingshausen, con rito civile a Bacharach e il 29.12.1948 nella chiesa di St. Clemens a Trechtingshausen dal pastore Wahrheit. I testimoni furono Clemens Metzroth e Nikolaus Weyer.

28.12.1948 Matrimonio Klaus Tabarelli e Christine Metzroth. Fonte dell’immagine: Archivio di famiglia. Fare clic per ingrandire l’immagine.
29.12.1948 Certificato di matrimonio ecclesiastico di Klaus Tabarelli e Christine Metzroth. Fonte dell’immagine: Archivio di famiglia. Fare clic per ingrandire l’immagine.

per saperne di più nel >>> registro di famiglia Nikolaus Tabarelli & Christine Therese Metzroth

Indipendenza e sviluppo del business

Dopo aver completato con successo i miei studi, il mio vero obiettivo era quello di lavorare come ingegnere elettrico nell’industria. Tuttavia, tali lavori erano pochi e lontani tra loro a quel tempo. Essendo sposato con Christine Metzroth dal 1948 ed essendo diventato padre di Alfred Adam Tabarelli l’11 giugno 1949, dovevo provvedere alla mia giovane famiglia. Ho deciso di mettermi in proprio. I miei inizi nel settore elettrico sono stati modesti nella soffitta convertita della casa dei miei genitori al Rheinstrasse (ora Im Winkel 4) a Trechtingshausen. Sia la famiglia che i miei affari sono cresciuti con la nascita del mio secondo figlio Lothar Heinrich Tabarelli nel 1957.

Nuovo edificio a Staab

Pertanto, abbiamo deciso di costruire di nuovo nel 1960. Direttamente sulla B9 all’estremità nord di Trechtingshausen (Im Staab), abbiamo acquistato un terreno e costruito una casa residenziale in quella che allora era Koblenzer Strasse 109c con locali commerciali e un’officina. Durante il periodo del boom edilizio di Trechtingshausen con diversi nuovi insediamenti abitativi, la mia azienda di installazione elettrica impiegava fino a sette dipendenti, la maggior parte dei quali venivano da me formati come apprendisti e operai. Mia moglie Christel si occupava del nostro negozio di articoli elettrici. Abbiamo continuato a gestire l’attività fino ai 70 anni.

Rifondazione T.u.S.

Dopo la seconda guerra mondiale, un gruppo di 10 persone si formò intorno a Klaus Vogel e a me nel marzo 1947 per rifondare il T.u.S., che fu approvato dalla potenza occupante il 7 febbraio 1948. Sono stato eletto alla carica di direttore generale 1948-1952.

Calcio nel T.u.S.

Nel 1951 un altro sport, il calcio, si affermò nel T.u.S. e aveva bisogno di un campo sportivo. Sono stato corresponsabile della sua costruzione sul Reno con la pianificazione, il finanziamento e il superamento della resistenza dei precedenti inquilini della lottizzazione.

Poiché la giovane squadra di Trechtingshausen guidata da Gerd Köhler e Hans-Gerd Reinehr riuscì, con sorpresa di tutti, a vincere il campionato e la promozione nel loro primo anno di gioco, ho trascorso i primi due anni la domenica alle partite in trasferta come allenatore sul carburatore di legno di Kleemann nell’Hunsrück e nelle comunità del Reno.

Distintivi di ginnastica e sport

Con la costruzione della nuova palestra a Trechtingshausen nel 1977, ho assunto volentieri l’incarico di direttore di ginnastica della squadra seniores, fino a quando ho passato questa funzione nel 2003 alla maestosa età di 83 anni. Fino a quell’anno, ho completato il distintivo sportivo annuale (il 20° all’età di 80 anni) e ho anche agito per molti anni come esaminatore di distintivi sportivi nel T.u.S., che per molti anni è stato nel gruppo superiore dei club in Rheinhessen a causa dell’alto numero di distintivi sportivi riusciti ed è stato premiato per questo.

il più antico trechtingshäuser

in vino veritas. Fonte dell’immagine: Archivio di famiglia. Fare clic per ingrandire l’immagine.

In occasione del 95° compleanno di Klaus Tabarelli, l’ex sindaco Jürgen Ohlig ha intervistato il cittadino più anziano di Trechtingshausen sulla sua vita e ha titolato: „95 anni pieni di alti e bassi“ nel numero 63 di agosto 2015 di „Der Trexhaiser„, rivista dell‘Associazione di storia locale di Trechtingshausen.

90 anni membro del T.u.S.

Nel 1983, il T.u.S. mi ha deliziato con l’appartenenza onoraria, e nel 2018 sono stato onorato nel mio 90° anniversario di appartenenza.

Da sinistra: Albrecht Schaust (comitato esecutivo), Klaus Hamm (membro da 70 anni), Klaus Tabarelli (membro da 90 anni), Jürgen Elsner (membro da 50 anni), Franziska Moritz (presidente del T.u.S.) / Fonte: Archivio fotografico T.u.S. 1921 Trechtingshausen. Clicca per ingrandire l’immagine.

Cornucopia di vita

Purtroppo, la vecchiaia mi ha portato anche alcuni handicap e colpi del destino: nel 1990 ho perso il centro della visione nitida in un occhio a causa di una degenerazione maculare, e dieci anni dopo ho perso anche il secondo occhio, il che ha limitato gravemente la mia vita. Finché mia moglie Christel ha vissuto in casa con me, ha sostituito i miei occhi come meglio poteva. Sono andato in pensione nel 1990.

Purtroppo, dopo un’operazione al ginocchio riuscita a Bingen, mia moglie è morta durante il successivo periodo di riabilitazione a Bad Dürkheim nel 2014, del tutto inaspettatamente, inutilmente, in circostanze sconvolgenti dal punto di vista medico.

Anniversari di matrimonio

Non solo abbiamo vissuto insieme i nostri anniversari di matrimonio, le nozze d’argento del 1973, le nozze d’oro del 1998, le nozze di diamante del 2008, le nozze di ferro del 2013 e attendiamo con impazienza le nozze di grazia del 2018, ma abbiamo intrapreso anche ampi viaggi annuali per le vacanze, prima con i figli Alfred e Lothar soprattutto nel Mare del Nord e nel Mar Baltico, poi come coppia sposata in diversi luoghi come vacanze termali o con le coorti scolastiche di Trechtingshausen del 1920 e 1928, così come con le coppie sposate della classe di laurea di ingegneria del 1948 in patria e all’estero.

Nonni

Nel 1983 siamo diventati nonni e siamo stati felici di avere la nostra nipote Petra Alexa Tabarelli (come archivista della città di Bingen è una mediatrice di storia, in italiano clicca qui) che mi sostiene anche oggi. Dopo essersi diplomata alla Hildegardis School di Bingen, ha studiato con successo storia all’Università Johannes Gutenberg, ora è a capo dell’archivio cittadino della città di Bingen e pubblica temi sulla città di Bingen nei media digitali. In privato, prende il tempo per registrare le mie esperienze descritte oralmente e per consigliare concettualmente l’autore sulla presentazione.

Il centesimo compleanno – 100

Raggiungere i 100 è stata una grazia speciale. Uno stile di vita attivo relativamente stimolato sia fisicamente che mentalmente, una medicazione su misura e un’ottima assistenza medica da parte del mio medico di famiglia, il Dr. Wolfram Emig, e, se necessario, di altri specialisti dell’ospedale Santo Spirito di Bingen, sono stati la base per guardare indietro con gratitudine alla cornucopia dei 100 anni il 16 giugno 2020.

Avevamo scelto il castello di Reichenstein, il castello principale di Trechtingshausen, come luogo per la piccola festa di famiglia con vicini, amici e dignitari. Il luogo dove mio nonno Giacomo Tabarelli, immigrato da Ospedaletto valsugana, eseguì i lavori di pavimentazione in terrazzo per il proprietario Barone Nikolaus Kirsch-Puricelli durante l’ampliamento del Castello di Reichenstein in un castello residenziale dal 1898 al 1902.

La sera, Uwe e Sabine Hanß e la loro figlia mi hanno regalato un concerto strumentale spontaneo e vivace davanti a casa mia in compagnia dei miei ottimi e sempre disponibili vicini come coronamento dell’anniversario.

L’11° decennio

Gli sport competitivi e l’essere un ufficiale sportivo nel T.u.S. 1921 Trechtingshausen sono ormai lontani per me. Quando avevo 95 anni, potevo ancora camminare per i 2 km fino alla tomba di mia moglie vicino alla Clemens Chapel o per andare in chiesa, usando attentamente un bastone; negli ultimi anni, il mio raggio di cammino si è ridotto a casa mia.

Mio figlio Alfred e la sua famiglia si prendono cura di me in ogni modo nella mia vita attuale oltre a 100 in casa e mi accompagnano al medico/clinica o a minuti contemplativi sulla tomba della mia amata moglie. Il mio secondo figlio Lothar è regolarmente in contatto con me per telefono e mi incoraggia quando ho dei problemi.

Sono anche grato a mio fratello minore Hans-Willi Tabarelli, che vive a Trechtingshausen, e che, come artigiano esperto, è in grado di aiutarmi rapidamente e bene con i piccoli problemi della casa.

Il mio cibo arriva su ruote dal fornitore locale. La mia TV funge da radio durante il giorno, poiché sono intensamente interessato agli eventi quotidiani locali e internazionali. Soprattutto i programmi sportivi sul calcio, gli sport invernali e l’atletica li ascolto con grande partecipazione e mentalmente li seguo.  Anche se la mia vista è purtroppo drasticamente limitata e sono classificato come cieco, sono ancora ben informato sugli eventi mondiali.

La memoria apre la finestra temporale 1936

Durante un viaggio dal medico nell’agosto 2021, stavamo parlando delle Olimpiadi appena iniziate in Giappone quando la mia memoria a lungo termine ha improvvisamente aperto una finestra temporale.  Sorprendentemente per mio figlio Alfred, gli ho detto che nel 1936 ho usato un biglietto gratuito della Reichsbahn di mio padre per viaggiare da solo a Berlino all’età di 16 anni, dove mio padre mi aveva fatto alloggiare da un collega delle ferrovie che si è occupato di me per alcuni giorni sul posto. Abbiamo assistito alla finale olimpica dei 100 metri il 03 agosto, vinta da Jesse Owens in 10,3 secondi. Il giorno successivo ha anche vinto le medaglie d’oro nei 200m e salto in lungo, e 4x oro nella staffetta. 

Klaus Tabarelli nel 102° anno di vita

Quo vadis?

Ciò che il futuro riserva allo spirito, all’anima e al corpo non è nelle mie mani. Sono curioso di vedere come si svilupperanno ancora le cose?  Come disse mio padre Johann Baptist Tabarelli (per la sua vita italiana clicca qui) al suo 90° compleanno: „La vecchiaia deve essere sopportata come una malattia“.  Io la vedo più ottimisticamente:

L’età matura è capace di tutte le gioie della gioventù in fiore, e la vecchiaia di tutte le gioie dell’infanzia.

Joseph Joubert (1754 – 1824), moralista francese

Autorizzazione

Questa vita è basata su un testo base più compatto di Marliese Tabarelli-Weinheimer, che ha scritto per i media in occasione del mio centesimo compleanno. Fu ampliato da Alfred Tabarelli fino al suo stato attuale.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)